Persone usa e getta-bis!

Sì, facciamo il bis!

Anche se non si parla della stessa persona della scorsa volta, pure questa -brutta- persona qua credo sia degna di essere sputtanata ben bene.

Più dell’altra, ci credete??

Capitano tutte a me? Forse. O forse no, pe fortuna ho anche gente decente intorno… anzi, direi che quelli da lodare -per fortuna- sono più di quelli da sottoporre a indignazione popolare.

Allora…lei l’ho conosciuta tre o quattro anni fa. Mi pare fosse il 2012 quando ho iniziato a lavorare tramite agenzia interinale per quell’azienda vicino a casa. Ero contenta matta ovviamente: un buono stipendio, pochi chilometri da percorrere avanti e indietro ogni giorno, il lavoro in se era un po’ sporco diciamo però mi andava più che bene dato che era una delle mie prime vere esperienze dopo il diploma. Era un contratto vero, per intenderci.

Comunque…eravamo 8: 2 per squadra, 4 per turno.

Non è che si può stare simpatici a tutti, mi pare normale, infatti di tutti quelli che eravamo siamo rimasti in due o tre a tenerci in contatto.

Succede sempre così: alla prima cena, quella che si fa pochissimo tempo dopo finito il contratto, ci sono tutti. Alla seconda sono già dimezzati e alla terza i partecipanti si riducono a quei pochi che ogni tanto continuano ancora a messaggiare tra loro e a scambiarsi confessioni intime ormai, pezzi di vita.

Una delle due persone con le quali ero rimasta in amicizia era lei, che chiameremo Anna, per comodità. L’altra era Stella, sempre per comodità.

Anna non era mai stata una persona facile da capire, in quei pochi mesi che abbiamo lavorato insieme è stato facile accorgersi di quanto fosse “strana”, soprattutto nei comportamenti: non mi sono mai piaciuti quelli che vanno dove tira il vento, l’ho già detto, e lei sembrava un po’ così. Un po’ distratta, sembrava dimenticarsi spesso delle cose, era sempre indaffarata, a volte se la prendeva se non eri al suo comodo. E poi era una di quelle che ti chiama Amore e Tesoro anche se ti conosce da un’ora, che fa finta di fare la dura ma in realtà è una rincoglionita opportunista.

Un carattere difficile insomma, di quelli che io tendenzialmente non sopporto, infatti a ripensarci adesso credo che fosse essenzialmente Stella a tenere unito quello strano trio. Lei, al contrario di Anna, era molto solare e socievole, sempre pronta ad aiutarti, ti stava a sentire e -anche se il nostro rapporto non era esattamente quello che io definisco amicizia ma più una conoscenza dove ogni tanto ci si trova a fare una bevuta e si spara due cazzate- riuscivamo ad andare d’accordo anche in mezzo a qualche screzio e a qualche fraintendimento.

Soprattutto da parte mia, non lo nego. Adesso mi sono fatta le ossa, ma prima ero una che credeva che tutto quello che fai e provi per le persone ti verrà automaticamente reso da esse.

Non è così, l’ho imparato a mie spese.

Quel (poco) che c’era tra me e Anna comunque, e anche quel (poco, ma di più) che c’era tra Anna e Stella, è andato un po’ ad infrangersi quando -dopo mesi di preparativi, soldi spesi e entusiasmo sprecato- la signorina Anna in questione ha ben pensato di abbandonare sull’altare il suo fidanzato promesso sposo per un perfetto sconosciuto che si è rivelato più tocco di mente di lei e che la stava per uccidere nel sonno.

Già…il suo ex è un ragazzo dolcissimo, giuro! Non ha niente che non va, secondo me. Siamo amici e lo siamo rimasti anche dopo questo spiacevole episodio che però si è rivelato una benedizione. C’è stato male, c’ha patito, ma adesso è più felice di quanto lo sarebbe stato se quel matrimonio fosse andato a buon fine!

Era Dicembre quando successe, a Gennaio lei era già tornata al sud dai suoi.

Quando è arrivata l’ora di trasferirsi definitivamente -dopo aver sistemato qui alcune questioni in sospeso- io, Stella e Anna abbiamo fatto una specie di cena di saluto. Due settimane dopo io e Anna eravamo sedute sullo sgabello di un pub a parlare: lei aveva deciso di rimanere perchè aveva incontrato uno che gli pareva il tipo giusto (dopo averla scampata con lo psicopatico) ma le cose non andavano bene nemmeno con lui quindi avrebbe avvertito i suoi che quella volta scendeva, scendeva sul serio e ci rimaneva.

“fatti sentire” le dissi “non perdiamo i contatti”

“no figurati!” rispose lei “tornerò spesso in Toscana, ho un sacco di amici e di cose da sistemare”

Per un po’ non si è fatta vedere quindi ci sentivamo soltanto tramite whatsapp. O meglio, ero io che la cercavo perchè se aspettavo lei buonanotte al secchio!

Mi disse che suo padre le aveva trovato lavoro, che in una delle sue esibizioni canore aveva conosciuto un uomo fantastico, che tutto procedeva per il meglio insomma…

é andata avanti così per un paio di volte: io che la cercavo, lei che rispondeva.

Una volta però, quella fatale, le avevo scritto per sentire come stava ma lei non mi aveva risposto per molte ore. Arrivata alla sera, un po’ preoccupata per quello che poteva esserle successo (dato che neanche Stella quel giorno aveva avuto sue notizie) decisi di chiamarla. Qualche squillo ed ecco la sua voce:

“ciao bimba, che c’è?”

“ti avevo scritto, non mi rispondevi”

“no scusa, ho avuto parecchio da fare e il mio cellulare non funziona molto! Come va?”

Io, che in quel periodo non stavo passando giornate gloriose, le confidai che avevo un po’ di problemi…che il fatto di essere senza lavoro mi stava portando ad un po’ di depressione, cose di questo genere insomma…peccato che ebbi appena il tempo di iniziare il discorso che lei esordì sopra la mia voce dicendo “senti c’ho uno che mi sta chiamando perchè vuole uscire stasera, ti richiamo ok?”

A voi le conclusioni.

Non mi richiamò più e io non mi feci più sentire.

Confesso: c’ero rimasta male. Pur sapendo che tipo di persone ho intorno continuo imperterrita ad aspettarmi qualcosa da loro!

Nei giorni successivi, infatti, ogni tanto controllavo il telefono per vedere se per caso ci fosse un suo messaggio, un suo segno di vita, ma niente.

Bene, c i a o n e.

Sembra ovvio che Stella invece avesse mantenuto i rapporti con Anna dato che, poci mesi fa mentre eravamo fuori a bere, mi dice:

“Ehi, ho visto Anna l’altro giorno”

“Ho letto che aveva scritto che veniva da queste parti” (aveva scritto un post su facebook che recitava tipo <Ehi ragazzi! Martedì sarò in Toscana per delle cose quindi volevo dire a tutti i miei contatti toscani che se vogliono mi possono contattare e ci possiamo vedere, vedo di incastrarvi tutti!> capito? Arriva la vip! Infatti l’ho ignorata). “E che racconta?” ho chiesto a Stella.

“Mah, si sposa. Mi ha invitata al matrimonio ma non credo che ci andrò.”

Ora, tralasciando il fatto che anche il suo abbandonato ex abbia ormai trovato l’anima gemella (quella vera, spero) e che si sposi esattamente 15 giorni dopo la data scelta da Anna, certamente un invito io non me l’aspettavo da parte sua…era logico, ormai era passato più d’un anno dall’ultima nostra conversazione e sinceramente non ero nemmeno interessata a far parte di questa sua iniziativa.

Ciò che mi ha fatta un po’ sbroccare, anche se non so nemmeno bene perchè, è stato il fatto di esser capitata per caso sul suo profilo facebook ed essermi accorta che mi aveva tolta dagli amici.

Non me ne importa niente, sia chiaro, però queste frittate rigirate mi danno un po’ noia. Per principio!

Voglio dire…già a te non fregava niente di cercarmi perchè ero sempre io a farlo, già io ti stavo confidando le mie cose e te ne sei sbattuta, già mi hai scaricata dicendo che mi avresti richiamata e non l’hai fatto mai, già che io t’ero stata vicina come un’amica e te invece m’hai trattata più come un oggetto che come un’umana, adesso vorresti pure far passare le cose come se fossi io in torto?

Perchè non so a voi, ma a me è questa la prima impressione che m’ha dato! Della serie “mi hai fatto un torto, non mi faccio più sentire e ti tolgo pure dagli amici”.

No bella! Se c’è qualcuno che ha subito il torto quella sono io!

A meno che io non abbia travisato le cose e il suo discorso nella sua testa fosse più impostato tipo “Ops! Questa la dovevo richiamare e non l’ho fatto e adesso ci siamo perse di vista…vabbè pace, ormai è andata!”.

Cosa molto probabile, conoscendo il soggetto.

In ogni caso, qualsiasi cosa passi in quella sua testa di cazzo bacata, solo una cosa le voglio dire:

 

Annunci

15 thoughts on “Persone usa e getta-bis!

    1. Ho notato…però s’è comportata quasi come se fosse stato a causa mia questo allontanamento, invece da parte mia c’era sempre stato un comportamento corretto e interesse nei suoi confronti…o almeno mi è parso…la verità, secondo me, è che lei è una persona talmente superficiale che avrà pensato che ormai le cose erano andate come erano andate e quindi ciao. Una in meno nella mia lista di adulatori, pace.

      Liked by 1 persona

  1. 😀 il finale e’ troppo bello, Martina! Purtroppo succedono queste cose, con l’esperienza imparerai a riconoscerle certe persone cosi’ le eviti tu, finche’ aveva bisogno di te ti cercava poi piu’ nulla, e’ un classico, baci cara, stai con chi ti ama, ❤

    Liked by 1 persona

    1. Per fortuna mi sono fatta già un po’ di pellaccia da allora…si cresce, si cambia…e sinceramente ora come ora mi faccio i miei conti e tratto le persone come meritano di essere trattate.
      Sicuramente seguirò il tuo consiglio il più possibile Laura, buona serata ❤

      Mi piace

  2. è tipico delle persone vigliacche…si sentono insicure, rifiutano i contatti e fuggono. Alla base può esserci anche dell’invidia nei confronti di coloro che avvertono essere superiori a loro. Non prendertela, anche se so che fa male. Poi passa e si sta meglio 🙂 (la voce dell’esperienza!)

    Liked by 1 persona

    1. Purtroppo non si può aprire la testa della gente e vedere cosa c’è dentro altrimenti mi sarei data già molte risposte a un sacco di domande scoprendo che quella di alcuni è piena di segatura! Fortunatamente adesso, dopo aver capito a mie spese che di amici nella vita ce ne sono veramente pochi e che gli altri sono solo di passaggio, mi guardo bene dal capire che tipo di relazione ho con le persone prima di dare…

      Liked by 1 persona

  3. Posso essere sincera (leggersi diretta)? 🙂 Tu hai tante di quelle domande, tante perplessita, tanto di tormento, mentre lei, a come percepisco io la storia, e preoccupata solo di se stessa. Il fatto che no sei più nella sua lista di amici, non vuol dire per forza che le hai fatto un torto, o che lei pensa questo, vuol dire semplicemente che ora non avete più niente in comune. Avete fatto per un po un viaggio insieme, poi ogni una e scesa nella stazione voluta.

    Non vale la pena pensarci troppo. Prendi l’essenza, e vai avanti 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Si infatti guarda, non la sopporto questa parte del mio carattere che deve cercare sempre un motivo a tutto. A volte la gente è stronza, punto e basta…non c’è un perchè di come ti trattano! Sono egoisti, cattivi, ingrati, opportunisti e perchè? Boh. Perchè gli va così…lei è una delle classiche persone che prima di chiederti come stai ti dice come sta lei anche se non glie l’hai chiesto, una di quelle persone che vuole bene a se stessa e poi forse a qualcun’altro, ma solo se può trarre qualcosa da quella relazione. Anche basta avere intorno gente del genere, devo davvero smetterla di farmi domande e iniziare a farmi i miei conti per comportarmi di conseguenza e basta…

      Mi piace

      1. Capisco la tua rabbia, pero la stessa rabbia e quella che annebbia il cuore e la mente. Le domande, quando si fanno, ci si deve aspettare ad ogni tipo di risposta, ci si deve essere pronti ad ammettere/ capire pure quello che non ci piace. Sono anche persone puramente cattive, ma stanne certa che non cambieranno solo in seguito a un nostro commento o sfogo, per non dire che, avranno pure loro la loro battaglia.

        Tutti noi possiamo raccontare di quante persone sono entrate nella nostra vita (volendo o non volendo, noi o loro), e di quante persone sono uscite dalla nostra vita (volendo o non volendo, noi o loro), e di come sono uscite, di cosa hanno lasciato dietro, di cosa hanno preso con loro…

        Anche questi episodi hanno un ruolo ben preciso, guardalo come fosse un sciroppo amaro, che hai dovuto prendere per apprendere una lezione importante 🙂 Un abbraccio

        Mi piace

      2. Hai ragione, anch’io penso che tutto quello che ci succede e che tutte le persone -belle o brutte- che passano dalla nostra vita alla fine lasciano qualcosa…anche lezioni da imparare…grazie per i tuoi commenti, buona giornata ❤

        Mi piace

  4. Che zo****!! Ma come si fa a programmare matrimoni con tanta facilità? Soni sconvolta…
    Comunque è una persona da cui è meglio stare lontani questa tipa qua.
    Mi sembra evidente che pensa di più a uscire con pretendenti mariti che a pensare alle amiche.
    Beh,sbaglia e quando rimarrà sola se ne accorgerà credo.

    Mi piace

    1. Le hai dato l’aggettivo giusto! Sia per quanto riguarda gli uomini che le amiche perché lei è una che pensa solo per se e le interessa solo quello che va a pro suo. Che poi ti farei vedere che bravo ragazzo è lui, d’oro! Non se lo meritava, è stato meglio così dai retta!

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...