Corso per balie

Allora, io sono una fottuta gattara.

Ho un solo micio ma se fosse per me ne avrei un milione e tutti quelli che mi conoscono mi visualizzano tra 10 anni sommersa di fusa e code morbide.

Scorsa settimana mi imbatto in una evento alquanto fico al quale mi avrebbe fatto piacere partecipare: un corso per balie.

Quando penso alla parola balia mi vengono in mente quelle signore con la cuffietta che allattano i bimbi per conto delle ricche donne del 900, vedo giusto? 🚼

Solo che qui non si parla affatto di bambini… Ma di gatti!

Sì, il corso serviva per imparare a far da balia ai gattini appena nati o comunque non ancora svezzati e prevedeva anche una dimostrazione pratica e delle nozioni sulla pulizia dei piccoli e sulla socializzazione del gatto selvatico.

È stato organizzato dal canile e mi sembravano due ore ben spese quindi mi sono iscritta.

Colpo di scena! ⬇️

Davide, che i gatti li ama ma non tanto quanto i cani, ha voluto che scrivessi questo articolo per farvi sapere che:

  • I gattini devono prendere circa 100 grammi a settimana;
  • Quando gli diamo il latte con il biberon dobbiamo tenerli con il pancino verso il basso e mai a pancia all’insù altrimenti rischiano di soffocare;
  • Mangiano ogni 2 ore e mezza/3 e prendono circa 6 ml di latte a botta;
  • Devono mangiare anche di notte coi soliti intervalli;
  • Il latte deve essere tiepido e si fa le prove per sentire la giusta temperatura sul polso come si fa per i bambini;
  • Le cucciolate non si mischiano mai perché potrebbero passarsi le malattie;
  • I gatti neonati non riescono a fare pipì e cacca da soli fino a circa un mese di vita. Regolarmente sarebbe la mamma a stimolarli, ma in sua assenza è la balia che deve provvedere a farlo tramite un pezzetto di carta igienica o di cotone imbevuto nell’acqua calda: si passa il cotone sui genitali del micio e si struscia delicatamente fino a quando non ha fatto tutti i bisognini;
  • La pulizia delle orecchie è importante e va effettuata regolarmente;
  • Se i micini sono pieni di pulci o zecche non si può usare nessun prodotto perché sono troppo piccoli quindi dobbiamo fargli il bagno nell’acqua tiepida e togliere le zecche una ad una con le pinzette stando attenti a non lasciare dentro la testa;
  • Spesso i piccoli senza mamma sentono freddo e rischiano l’ipotermia anche d’estate, è sempre bene quindi metterli in una conigliera e inserire nella gabbia un teporino e delle copertine;
  • La prima cosa da ricordare quando si prova a far socializzare un gatto inselvatichito è non avere paura e non fare gesti scattosi, solitamente si chiude il gatto in una stanza piccola e ci si avvicina pian piano ogni giorno di più in modo che si abitui alla nostra presenza e impari a fidarsi di noi (meglio farlo minuti di guanti nel caso dovesse mordere e di vestiti pesanti nel caso attaccasse e graffiasse).

Ecco, credo ci sia tutto.

Ora…tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare quindi prendete queste info come buone ma sempre con le pinze.

Il primo consiglio che ci è stato dato è di non agire mai di testa propria se ci si trova in situazioni simili ma di chiedere aiuto al canile o a qualche associazione locale che si occupa di animali o anche ad un veterinario.

Risultati immagini per gattini

Questo corso comunque è stato interessante e mi piacerebbe ripeterlo con i cani come soggetti, anche un corso di primo soccorso veterinario non sarebbe male 😉

Non avevo mai visto degli esserini tanto minuscoli e indifesi, mi venivano le lacrime agli occhi a vederli annaspare in quella gabbietta e a sentirli urlare perché avevano fame 😍

Sono una gattara, c’è poco da fare… Una fottuta gattara 😸


24 risposte a "Corso per balie"

  1. Mi ricordo il mio piccolo Clash, il suo conoscere il mondo, il suo crescere, il suo essere timido.
    Ora mi sventra i cuscini e distrugge il divano, proprio ieri mi ha rovinato una zanzariera.

    Serve un gatto?

    🙂

    "Mi piace"

  2. Corso istruttivo! Meravigliosi pelosotti ❤
    Ma meno male che non partecipavo altrimenti mi sarei portata a casa tutti i micini: per ingrandire la mia famigliola felice, che è più felice se s'allarga ancora di più 😛
    Bacio
    Sid

    "Mi piace"

      1. L’alberello del bradipo, l’anno scorso, m’ha portato a casa Tommy the Cat, di appena 3 settimane, abbondonato nel parcheggio di un garden! Eppure, lui ama di più i cani 😛
        Bacio
        Sid

        "Mi piace"

  3. Io sono arrivato ad avere anche 20 gatti nello stesso momento in casa (molti sono nati dentro perché nessuno sterilizzava le femmine che ospitavo quando faceva freddo…): sono stato “costretto” a imparare parecchie cose per necessità 🙂

    "Mi piace"

      1. Malefico 😛
        C’erano gatte mamme che se ne fregavano dei propri cuccioli, di conseguenza ho potuto fare ben poco da solo.

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...